L’utilità dell’inutile – gestione risorse umane

“Impara l’arte e mettila da parte”. Il consiglio di mia nonna non era peregrino. Qualunque arte prima o poi rivela il suo valore. Il problema è che non si sa né come né quando. Papi e regnanti lo sapevano bene, oggi cominciano a capirlo anche le culture più utilitaristiche. “Il nostro futuro come paese innovativo dipende dal fare in modo che ciascuno abbia accesso all’arte e alle opportunità culturali. Quasi 6 milioni di persone si guadagnano da vivere nel settore delle arti non profit, e le arti e le attività culturali contribuiscono per più di 160 miliardi di dollari al nostro PIL. La pittura, la poesia, la musica e la moda, il design, sono tutte attività che definiscono chi siamo come società e ci forniscono una narrazione della nostra storia per la generazione che verrà”.  A dirlo è Michelle Obama in un recente discorso. Per l’impresa è difficile prevedere attività artistiche,  calcolarne costi e ricavi od inserirle nel sistema incentivante. L’arte è culto, ovvero cultura, e la si pratica per coltivare lo spirito. Da sempre funzionale allo sviluppo della convivenza: anche dell’impresa? Mi ha colpito leggere lo studio di Malinowski sul rituale Kula, un faticosissimo  scambio di conchiglie e manufatti inutili, tra popolazioni di isole distanti centinaia di miglia. Tra le conclusioni dell’antropologo, la constatazione di quanto fosse “utile” per  i Trobriandesi  dedicarsi ad attività del tutto “inutili”. Stai a vedere che per sviluppare la nostra azienda dobbiamo imparare a fare cose inutili! Bella sfida non c’è che dire!

Questo breve articolo, comparso sulle smartnews di giugno 2010 (gli interessati possono scaricarle dal sito http://www.smartmanagement.it/public/articoli/newsletter.php ) si ispira al sospetto che in futuro, la “gestione risorse umane” del terziario più o meno avanzato, debba inventare qualcosa di utile per far passare il tempo ai propri addetti. In molti settori il tele-lavoro ridurrà a tal punto gli organici da far pensare ad una disoccupazione di massa. Pensate solo a nuovi servizi quali: le transazioni bancarie via internet, le riunioni in video conferenze (da casa su skype), l’acquisto di prodotti  via internet, la posta elettronica, le tasse degli F24 via internet, le assicurazioni al telefono.  Un imprenditore dell’informatica mi raccontava che grazie al “team viewer”, un diabolico programmino di tele assistenza scaricabile gratuitamente da internet (entrano nel vostro PC a 300 chilometri di distanza),  ha ridotto di 2/3 il lavoro dell’ufficio assistenza.  Che far fare ai bravissimi tecnici? Cosa faremo fare a milioni di addetti?

Trent’anni fa, quando vendevo occhiali a Roma, molti ottici mi facevano ripassare nel pomeriggio. Scoprii che erano impiegati ai ministeri. Polemicamente scrissi al giornale una lettera in cui, per risolvere il problema della disoccupazione, proponevo di  “occupare gli occupati!”.

Oggi il problema si pone anche nel privato. Qualcuno obietterà che in certi settori siamo ancora lontani dalla qualità del servizio. Il paradosso è che per far funzionare meglio certi enti occorrerebbe essere in meno! Lean production!

Il presagio/provocazione dell’articolo nasce quindi dalla consapevolezza di quanto sia difficile inventare qualcosa che non faccia sentire stupide o inutili le persone e che soprattutto produca valore per l’impresa. I knowledge worker vogliono sentirsi partecipi, non si può fare scavar loro buche per poi riempirle. Il costo per il sistema economico è insostenibile e le persone sono frustrate e demotivate.

Forse l’uomo sta entrando in una nuova Era, per certi versi simile a quella dei cacciatori raccoglitori Trobriandesi. Il problema vitale si risolve in due tre ore al giorno. E le ore restanti? Bisogna inventare qualcosa di intelligente! Suggeriamo di “occupare gli occupati” con attività di ricerca, creatività, arte, benessere, cultura dello spirito. Per favore, basta scavare buche per riempirle! 

5 risposte a “L’utilità dell’inutile – gestione risorse umane

  1. se la memoria non mi mi inganna..li abbiamo venduti insieme gli occhiali a roma,fatti vendere, e indossare a famosi. Davanti a un piatto di spaghetti,aria buona e un buon bicchiere,sono nate tante idee. oggi quello che mi chiedo,a proposito della gestione delle risorse umane,e’ a cosa serve parlarne,se,si formano gli uomini,,si investono il tempo e il danaro delle aziende,per farli crescere e motivare, e poi,quando sono troppo bravi,…e meglio che vadano a fare altro. Credo che il vero problema..oltre ad occupare gli occupati,..in italia sia la paura delle eccellenze, la difesa del potere conquistato,prima ancora della ricchezza di collaboratori bravi.,si teme piu di quanto si osi..e si tira a campare.

    • Caro mio, dopo trent’anni è bello ricordarlo anche se non c’entra con il tema. Ti ricordi Paul Weller degli Style Council con i nostri occhiali nella clip… gratis! 100.000 mila Original venduti. Sono soddisfazioni!
      Il problema italiano è che i dirigenti sono insicuri e tendono ad assumere (o tenere), persone meno brave di loro. Gestire chi è meglio di te non è semplice, soprattutto se il sistema è imbevuto di raccomandati o furbastri. Quanti convegni abbiamo visto sulla meritocrazia… Quelli veramente bravi o si mettono in proprio o emigrano all’estero. Ma esiste anche un problema di sistema economico. In Europa o sei il primo della classe e ti inventi il lavoro (quello redditizio e non quello assistenziale) o non ci sarà più lavoro per tutti. Inventarsi il lavoro significa innovare, rischiare, ma anche eccellere. A Milano mi piange il cuore salire sugli autobus Finlandesi della Van Hool e constatare che sono meglio dei Breda e degli Iveco. Ma ti rendi conto? Come se non sapessimo fare gli autobus! Eppure è così. Ci vorrebbe un moto di orgoglio anche dei sindacati! Hai mai visto in vita tua un sindacato difendere uno bravo e rimproverare un fannullone! Mio nonno non l’ha mai visto, mio padre nemmeno ed io neppure. Basterebbe questo per capire il pianeta Italia.

  2. Secondo il mio modesto punto di vista l’uomo non può vivere solo per riempirsi la pancia o le tasche e prima o poi dovrà fare i conti con la
    “solidarietà” e lo scambio di sorrisi e abbracci e baci e con la “condivisione” di tutto quello che si ha con chi non ha.
    Giovanna Crivellaro

    • Sono molto d’accordo. Bisognerebbe destinare una parte dell’orario di lavoro al gioco, alla creatività, alle curiosità, allo scambio di conoscenze e di competenze quali hobby e passioni, cose solo apparentemente inutili.
      Rispetto al mondo esterno, voi con la musica siete molto bravi. Vi divertite un po’ anche al’interno?
      Ciao
      Franco Marzo

  3. Il nostro Direttore del Personale ci ha organizzato dei mini concerti con la speranza di essere i primi ad avere ascoltato i nuovi talenti di domani…bella iniziativa. Jazz e classica …è stato un piacere! Ciao
    Giovanna Crivellaro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...