Archivi categoria: Uncategorized

La dieta del leader: il timbro

Ogni giorno lasciate un piccolo segno del vostro passaggio sul pianeta.  Pronunciate un No o un Sì definitivi; prendete una decisione tutta vostra; battete i pugni sul tavolo e i piedi per terra; siate fieri di voi e delle vostre origini.

Una volta al giorno fate di testa vostra, non ascoltate consigli, prendete la strada che ritenete più giusta, fottetevene di quello che pensano gli altri, smettetela di sentirvi osservati.

Una volta al giorno non siate diplomatici, se siete a favore siete a favore, se siete contro siete contro. Ascoltate la vostra voce interna, il vostro timbro unico e irripetibile, il marchio DOC della vostra esistenza. Tutti impareranno a conoscerlo ed apprezzarlo.

Annunci

La dieta della leadership: l’armonia

Ogni giorno prendetevi cura del vostro progetto, coltivate il vostro orticello, nutrite le vostre relazioni. Mostrate interesse per i figli, per la moglie, per i collaboratori, per i clienti e per tutto ciò che è funzionale a raggiungere i traguardi che vi siete prefissati.
Per farlo rivolgete domande e ascoltate senza giudicare o fare obiezioni. Vi aiuterà dire: “interessante”; “capisco”; “mi rendo conto”. Non vi aiuterà dire: “sì ma”, “sì però”.
Frequentate e cercate di comporre mondi diversi, cercate punti di contatto e non di divisione.  Scoprirete consonanze sorprendenti e arricchirete la vostra dieta con il valore aggiunto della diversità.
A proposito, avete un progetto? Fatelo subito e mettetelo per iscritto con molti numeri: date, soldi, quantità, frequenze, percentuali, costi, ricavi, pezzi venduti, offerte fatte, click ottenuti, aggiungerà senso alla vostra vita.

 

La dieta della leadership: il ritmo

Ogni giorno fate un gesto che dimostri a voi e agli altri le cose in cui credete. Credete in Dio? Dite una preghiera; credete nel merito? Sorprendete i collaboratori mentre fanno qualcosa di positivo! Credete nella salute? Fate 10 minuti di ginnastica.

Credete nella conoscenza? Dedicate un’ora all’aggiornamento scientifico. Credete nella bontà? date un piccolo obolo al mendicante che vi saluta ogni giorno.

Un gesto rituale è la prova che ci credete veramente. Senza un’azione concreta potrebbe essere solo un pensiero come tanti. Serve per voi e per gli altri. Gli altri devono vedere, sentire, toccare qualcosa che dimostri che ci credete, devono vedere atti motori, esempi concreti e coerenti, ottenere la prova provata. Il vostro cervello anche, deve avere feedback sensoriali, capire che il vostro credo si traduce in azione. Riuscire a compiere un piccolo gesto ogni giorno rappresenta inoltre un piccolo successo, quello che vi serve per scatenare il “sistema della ricompensa”, il produttore di dopamina, quella che vi fa sentire potenti, che vi da la spinta a continuare, la determinazione e la perseveranza.
Sceglietene uno al giorno, sempre lo stesso, il vostro pane quotidiano.

La leadership dell’ukulele

kamakawiwo oleKamakawiwo ole con un ukulele da $50 è miglior artista dell’anno 1994, 15° nella classifica dei 20 album più venduti su internet,  35.254.499 di visualizzazioni su youtube. Da dove nasce la leadership della musica, come fanno i suoni a suscitare tanto consenso?

La musica è suono organizzato! Lo hanno scritto musicisti, musicologi e studiosi di varie discipline. Ricordo che la parola “organizzazione” nasce dalla radice greca “ergon – energia, forza”. L’energia della musica nasce quando riesce ad esprimere quattro dimensioni dell’animo umano: ritmo, melodia, armonia e timbro. Il ritmo rappresenta la base di tutto, il bene più prezioso che abbiamo: il tempo, la vita. Nella musica ci consente di suonare insieme; nel Leader di seguirlo e di condividere i suoi valori e le sue regole. La melodia è il bello della musica l’emozione più forte, il “motivo” che fischiettiamo e cantiamo; nel Leader è la sua capacità di trasmetterci emozione e passione. L’armonia è il contorno, l’accompagnamento, ciò che valorizza la melodia e il ritmo; nel Leader è la sua capacità di trovare “accordi” e “consonanze” attraverso l’ascolto e la tecnica. Infine il timbro, ciò che rende identificabile la fonte del suono, il colore, il carattere unico e distintivo del cantante; nel Leader è la sua identità, la sua capacità di essere unico e di non essere un’imitazione. Tutti gli uomini amano gli “originali”.

 

L’impresa stonata

bht confrontoQuello che vedete in alto è il grafico della percezione armonica di due imprese. La prima è una multinazionale in piena salute, la seconda un’azienda italiana in stato di crisi (in blu la media di settore). Da un mio studio realizzato nel 2010 su 100 imprese attraverso la somministrazione del BHT (business harmony test), è emerso che le aziende sane vengono percepite più armoniche di quelle in crisi. La correlazione tra “l’aria che si respira in azienda” e i risultati di bilancio è sorprendente. Sono sufficienti 20 domande rivolte ai Responsabili della “prima linea” per scoprire le stonature. Alcune riguardano il ritmo, altre la melodia, altre ancora l’armonia o il timbro. Grazie ai modelli mentali della musica possiamo scoprire rapidamente dove sono le dissonanze e procedere con l’ACCORDATURA. Contattami per un sound check della tua azienda.

La leadership della volpe

volpe attaccoLa volpe che vedete sta per sferrare l’attacco decisivo. Possiede una delle doti tipiche di noi mammiferi: il controllo. I suoi cuccioli saranno più sprovveduti e prima di imparare dalla mamma vedranno sfuggirsi diverse prede.  Con i mammiferi condividiamo infatti anche la capacità di apprendere. Il controllo è una capacità che si apprende con le opportune tecniche e l’esercizio. Se ce la fanno le volpi (anche il mio gatto non scherza) ce la possiamo fare anche noi. Si chiama padronanza di sé, ovvero la capacità di fare ciò che è razionalmente utile per raggiungere l’obiettivo, al di là delle emozioni che provate. Mi viene in mente l’intervista di Giorgio Minarelli su I-Factor, il gene dell’imprenditore, L’uomo dei 10 milioni di motori (oggi gruppo Yamaha) riferendosi a suo padre e alle decine di marchi Emiliani nati da ex corridori di motociclismo, afferma che la causa del fallimento di tantissimi di loro è stata la troppa passione. E se lo dice il grande Minarelli fidatevi di una vecchia volpe. (Leadership Ispirativa)

Milano 2018, il salone che ti ispira

Salone del mobile 2018, 434.500 presenza da 188 paesi del mondo, incremento del 26% . Sapete cosa cercano? L’ispirazione! L’energia e l’idea per fare cose belle e funzionali, i segreti della bellezza. Quello che per noi italiani è ovvio per gran parte del mondo è arte, armonia, energia, emozione! Abbiamo il grande privilegio di essere nati e cresciuti immersi nella bellezza. La poltrona San Luca di Pier Giacomo e Achille Castiglioni è stata creata per Dino Gavina, bolognese, in onore dei portici di San Luca di Bologna, i più lunghi e più belli del mondo. Lo sapevate? Nati per i pellegrini diretti al santuario, sono diventati ideali per tenersi in forma e io li frequento spesso: un unicum assoluto! Quando saremo consapevoli della meraviglia che ci circonda, sentiremo anche la responsabilità di aiutare il mondo a coltivare arte e bellezza non solo nei mobili, ma in ogni sua espressione tecnologica, scientifica e ambientale. (www.movimentoart1.it)